1

App Store Play Store Huawei Store

gdf auto

NOVARA- 26-06-2021 -- In occasione della celebrazione per il 247° anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di Finanza, sono stati diffusi ulteriori dati sull'attività svolta nel Novarese nel 2020.


Lo scorso anno Guardia di Finanza ha dedicato una particolare attenzione agli illeciti in materia di spesa pubblica e a tutte le condotte che, mettendo a rischio la legalità e la trasparenza che devono connotare l’azione della Pubblica amministrazione, pregiudicano la corretta allocazione delle risorse, favorendo sprechi, truffe, malversazioni e indebite percezioni.
53 sono gli interventi complessivamente svolti a tutela dei principali flussi di spesa, dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale.
Le frodi scoperte dai Reparti in danno della spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria sono state pari a 85.747 euro, con un numero di soggetti denunciati complessivamente pari a 8. Si tratta di attività che hanno quasi sempre una ricaduta sul versante erariale, nell’ambito del quale sono stati segnalati alla Magistratura contabile danni per 30.614.428 euro, a carico di 22 soggetti.


Tra i controlli in materia di prestazioni sociali agevolate, il Corpo ha realizzato uno specifico dispositivo operativo volto al contrasto dei fenomeni di illecita apprensione del “reddito di cittadinanza”. Gli interventi svolti in quest’ultimo ambito, anche con il contributo dell’INPS, sono stati indirizzati, in maniera puntuale e selettiva, nei confronti delle posizioni connotate da concreti elementi di rischio e hanno permesso di denunciare, per le ipotesi di reato previste dalla normativa di settore, 5 soggetti.


Le persone denunciate per i reati in materia di appalti, corruzione e altri delitti contro la Pubblica amministrazione è stata verbalizzata, ai fini amministrativi, una persona ricostruendo importi irregolarmente percepiti da dipendenti pubblici per 376.251 euro.
In tale ambito, riveste importanza strategica la collaborazione con l’Autorità Nazionale Anticorruzione, su cui delega, nel corso del 2020, i Reparti hanno effettuato controlli in materia di contrattualistica pubblica e accertamenti nel settore anticorruzione e trasparenza.

Sul fronte della tutela del mercato dei capitali, l’impegno profuso nel 2020 si è concretizzato nell’esecuzione di 2 interventi in materia di riciclaggio e auto-riciclaggio da cui è scaturita la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 2 persone. Il valore del riciclaggio accertato si è attestato a 1.040.052 euro con la formulazione di proposte di sequestro alla Magistratura per 6.421.082 euro.
Nel campo dei reati fallimentari e bancari sono stati denunciati all’A.G. 38 soggetti con la segnalazione di 6.796.306 euro di patrimoni risultati distratti.
Nel comparto operativo dedicato alla sicurezza della circolazione dell’euro sono stati denunciati 5 soggetti.
In applicazione della normativa antimafia, sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 9 soggetti, ed ammonta a 166.221 euro il valore dei beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie proposti all’Autorità Giudiziaria per il sequestro.
Sono stati altresì svolti 2 accertamenti nei confronti di 4 soggetti connotati da c.d. “pericolosità economico-finanziaria”, ovvero coloro che per condotta e tenore di vita, debba ritenersi che vivano abitualmente, anche in parte, con i proventi derivanti da ogni genere di attività delittuosa, in particolare di natura tributaria, societaria, fallimentare, ecc..
Sono stati eseguiti, poi, 197 accertamenti a seguito di richieste pervenute dai Prefetti della Repubblica, la maggior parte dei quali riferiti alle verifiche funzionali al rilascio della documentazione antimafia.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.