1

vigneti torraccia

GHEMME - 24-10-2020 -- Importanti riconoscimenti

per l'azienda Torraccia del Piantavigna di Ghemme.


Dopo essersi aggiudicata per 12 anni consecutivi l’ambitissimo “Tre Bicchieri” assegnato dal Gambero Rosso, ed i massimi riconoscimenti delle altre principali guide italiane. Torraccia del Piantavigna ha ricevuto recentemente la “Platinum Medal” da “Decanter”, una delle pubblicazioni più prestigiose al mondo per i vini di qualità, e l’unica in grado di poter vantare tra i suoi giudici, ben 37 Master of Wine e 9 Master Sommelier.


All’edizione 2020 del “Decanter Awards” hanno partecipato 16.518 vini e sono state assegnate, in tutto il mondo, 178 medaglie di platino, 37 delle quali in Italia. Il Piemonte, con 12 medaglie, è stata la regione italiana più premiata: 10 Barolo, 1 Barbaresco e il Ghemme 2012 Riserva di Torraccia del Piantavigna, con un punteggio di 97 punti su 100.


Ma il Ghemme non è la sola gemma di “Torraccia” nell’olimpo di Decanter: infatti il Gattinara 2015 si è aggiudicato la medaglia d’oro con 95 Punti. Questa pioggia di medaglie si aggiunge agli incredibili risultati ottenuti nel 2020 dalla “Torraccia” sulle più prestigiose “guide” internazionali, firmate dai guru mondiali del vino Robert Parker e James Suckling.


Il celebre magazine “Wine Enthusiast” ha assegnato un punteggio di 93 su 100 al Gattinara 2016, conferendogli anche il prestigioso riconoscimento di Cellar Selection, mentre il Colline Novaresi DOC Erbavoglio 2019 (100% vitigno Erbaluce) riceve la menzione di “Editors’ Choice”, riservata ai vini con qualità uniche ed un eccellente rapporto qualità / prezzo.


È ancora Il Ghemme Riserva 2012 insieme al Ghemme Vigna Pellizzane 2008, ha ottenuto da Robert Parker 94 punti su 100, il punteggio più alto mai assegnato ad un Ghemme dall’autorevole guida “The Wine Advocate”. Identico punteggio, 94 su 100, attribuito anche al Gattinara Riserva 2008, ad oggi, unica Riserva di Gattinara prodotta nella storia della cantina Torraccia, che verrà presentata sul mercato dopo 12 anni dalla sua vendemmia, esclusivamente in formato maagnum ed in edizione limitata di soli 432 esemplari, il prossimo 1° dicembre.


La cantina Torraccia del Piantavigna si propone di diventare un saldo punto di riferimento per l’intero Alto Piemonte vitivinicolo: ai vigneti di Ghemme e di Gattinara si aggiungeranno presto quelli in fase di impianto a Sizzano, la denominazione che fece innamorare dell’Alto Piemonte il grande Camillo Benso Conte di Cavour, al punto da definirlo “Piccola Borgogna".

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.