1

mamre libano

BORGOMANERO - 10-02-2020 - E' rientrata dal Libano la delegazione

dell'Associazione Mamre, dove, fra gli altri, ha visitato il campo palestinese di Shabra e Shatila.  Con Mario Metti, il presidente, anche Piergiorgio Fornara, Gabriele Sala, Barbara Taccone, Sergio Vercelli e Gabriele Pezzotta, accompagnati da padre Abdo Raad,  hanno incontrato  il presidente della locale associazione Ahmad Shawish. A lui Mamre ha donato  i locali poco prima acquistati per far sì che tanti bambini (ma anche mamme dirà Shawish), anche le loro mamme, possano usufruirne come scuola, centro educativo. "Questo progetto che grazie a tanti amici dell’associazione abbiamo portato a termine ha un duplice significato: quello di far conoscere realtà vicine e lontane da noi dove si può leggere negli occhi delle persone la “fatica di vivere”, dove ci sono precise responsabilità da parte della comunità internazionale per le condizioni difficili nelle quali si trovano, ma dove si vive un’accoglienza che noi abbiamo dimenticato, una convivenza tra ben 18 confessioni religiose diverse, dove si respira, tra tanta fatica, la speranza di una vita diversa, dove si incontrano comunità giovani, famiglie con tanti bambini. Quindi “conoscere” e far conoscere, abbattere i muri che abbiamo dentro di noi e cercare di capire cosa avviene nel mondo e riscoprire la fratellanza, il riconoscerci figli di uno stesso Dio e quindi fratelli che si tendono la mano per aiutarci a vicenda.  Il centro educativo che abbiamo donato è un piccolo seme di speranza e di pace, ma che, ne sono certo, si radicherà e porterà frutti", ha sottolineato Metti. La delegazione ha inoltre visitato Tiro, manifestanti contro il governo e visitato due campi profughi a Anout (dove sono stati lasciati generi alimentari acquistati in loco) ed uno nella valle della Bekaa.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.